Assemblea regionale 9 febbraio – mozioni politiche

Share

Il giorno 9 febbraio 2019 alle ore 9.30 a Milano presso il CAM Garibaldi Corso Garibaldi 27. si svolgerà l’assemblea per eleggere i coportavoce regionali, l’esecutivo regionale e la quota dei membri della federazione dei Verdi della Lombardia per il Consiglio federale nazionale.

Alla scadenza prevista delle ore 18.00 del 4 febbraio 2019 sono pervenute in Federazione nazionale 2 proposte distinte di candidatura a co-portavoce regionale della Lombardia regolarmente corredate della mozione politica e sottoscritte da un numero di iscritti superiore al minimo richiesto.

Le mozioni e le relative candidature pervenute sono:
– la candidatura alla coppia di portavoce NORA DAFFINI e ENRICO FEDRIGHINI con la relativa mozione politica denominata Cambiamento Ecologista in Lombardia;

– la candidatura alla coppia di portavoce CRISTINA GANINI e ALDO GUASTAFIERRO con la relativa mozione politica denominata E’ ora di Agire;

VERDI MILANO: CON ELEZIONE GRANDI ORA LISTA EUROPEISTA, CIVICA E ECOLOGISTA

Share
Onda Verde a Milano

Onda Verde a Milano

“I Verdi milanesi esprimono la loro soddisfazione per l’elezione di Elena Grandi e Matteo Badiali a co-portavoce dei Verdi Italiani; attraverso Elena Grandi, per la prima volta nella loro storia, i milanesi esprimono un portavoce nazionale, con una persona di grande valore, impegnata da anni sul nostro territorio sui temi della difesa dell’ambiente e dei diritti.” Scrivono in una nota i co-portavoce dei Verdi di Milano, Mariolina De Luca e Enrico Fedrighini, che proseguono:

“Ai due co-portavoce dei Verdi italiani chiediamo fin da subito di mettersi al lavoro per costruire una lista verde ecologista per le elezioni europee, in accordo e collegata ai verdi europei. Una lista ecologista autonoma, europeista, civica, capace di lavorare sui grandi temi dell’ambiente e dei diritti, che abbia come priorità assoluta quella della lotta per mitigare i cambiamenti climatici.
Una lista aperta ai contributi di chi ha capito quali sono le priorità del nostro tempo, ma che non ripeta gli errori del passato: liste con doppi simboli e nomi, aggregazioni improbabili senza progetti futuri.”

“I Verdi Italiani devono essere identificati con i Verdi europei e i loro programmi (i 12 punti del Congresso Europeo). Questo è anche quello che ci chiedono i nuovi iscritti e i simpatizzanti che hanno aderito a migliaia al nostro appello “cercasi volontari coraggiosi”, che a Milano si sono uniti a noi in questi mesi.
Facciamo i nostri migliori auguri di buon lavoro ad Elena Grandi e Matteo Badiali.” Concludono De Luca e Fedrighini.

“E’ ora di riparare il mondo”

Share

  • Cop24 - Katovice
  • Onda Verde - Milano
  • Onda Verde - Milano
  • No TAV - Torino
  • COP24 - Katowice

Oggi 8 dicembre 2018 giornata da ricordare per i Verdi Lombardi.

Da Katowice a Torino passando per Milano i nostri militanti sono scesi in piazza contro i cambiamenti climatici. E’ arrivato il momento di muoversi e fare in modo che l’onda Verde che attraversa il continente possa produrre i suoi effetti anche in Italia. Noi ci siamo con tutte le nostre forze ed energie:

E’ arrivato il momento di “Riparare il mondo!”. 

La redazione

 

Via via libera alla superstrada Vigevano – Malpensa. I Verdi della Lombardia indignati!

Share
Manifestazione per dire no alla Vigevano - Malpensa

Manifestazione per dire no alla Vigevano – Malpensa

Milano, 1 marzo 2018 – Il 28 febbraio sarà una data da ricordare per lo scempio del nostro territorio. Il CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica) nella seduta presieduta direttamente dal premier Paolo Gentiloni con la presenza anche del Ministro Graziano Del Rio, ha dato il via libera alla superstrada Vigevano-Malpensa.

 I Verdi della Lombardia ribadiscono ancora una volta la non condivisione della scelta fatta imposta dall’alto senza tenere in considerazione i pareri negativi espressi dai comitati dei territori in cui si inserisce questa superstrada e  dalle diverse istituzioni, Città metropolitana di Milano, il Parco del Ticino e il Parco Agricolo Sud Milano, i comuni attraversati dalla strada, le organizzazioni degli agricoltori, Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Copagri e per finire alle critiche espresse anche dal parlamento Europeo circa l’incompletezza della valutazione di impatto ambientale in relazione agli obblighi assunti dall’Italia per la lotta all’inquinamento atmosferico.

Un’operazione dunque che va in antitesi rispetto alle politiche auspicate sia per il governo della Regione Lombardia, sia per il governo nazionale, politiche su cui i Verdi si sono impegnati con accordi di programma e che sono con questo atto clamorosamente disattesi.

Un provvedimento questo, ribadiscono Elisabetta Patelli e Aldo Guastafierro, co-portavoci regionali dei Verdi della Lombardia, che “rappresenta uno smacco politico enorme che di fatto annulla i propositi programmatici di una vera conversione ecologica e che crea un inevitabile imbarazzo. Assurdo che mentre in campagna elettorale si cerchi di portare al centro del dibattito politico i temi ecologisti in Regione Lombardia con la complicità del governo in carica si attuino politiche illogiche e di fatto anacronistiche.”

La Lombardia ha bisogno di infrastrutture ecosostenibili come il potenziamento e la corretta manutenzione della rete ferroviaria  e  non di opere inutili che danneggiano in modo irreparabile il mondo agricolo e la vivibilità di quei territori.

Elisabetta Patelli e Aldo Guastafierro

co-portavoci regionali dei Verdi della Lombardia

Como colora il Seveso fino a Monza e Milano

Share
sversamento nel Seveso

sversamento nel Seveso

L’ennesimo incidente ci fa capire che anche nel 2018 non siamo in grado di governare tutti i processi produttivi altamente inquinanti su cui abbiamo costruito la nostra economia. Esplosioni e sversamenti sono oramai all’ordine del giorno

La  rottura di un tubo all’interno di un’azienda di Senna Comasco (Como), operante nel settore della chimica per arti grafiche, stampa e fotografie, ha provocato  lo sversamento di circa 1000 litri di colorante blu nel fiume Seveso, passando attraverso la rete fognaria. Numerose segnalazioni sono arrivate dalle province di Monza e Milano dai diversi cittadini che hanno notato il corso d’acqua colorato di blu. A quanto si è appreso, dopo essersi riversato nelle fognature, il colorante ha raggiunto il depuratore di Carimate (Como), per poi riversarsi nel corso del Seveso, arrivando fino alle province di Monza e Milano.Ancora oggi come negli anni ’50 dobbiamo assistere a fiumi colorati da sversamenti  di prodotti chimici  E’ ora di  svoltare verso una economia GREEN, l’unica in grado di creare nuovi posti di lavoro e di rispettare l’ambiente tutelando cosi anche la salute dei cittadini.

Esplosione Ecosfera – Comunicato stampa Verdi Lombardia

Share
Esplosione a Bulgarogrosso

Esplosione a Bulgarogrosso

 L’ esplosione a  Ecosfera, ditta che si occupa di trattamento di rifiuti industriali e speciali di Bulgarograsso, e’ un fatto gravissimo che pone anzitutto il problema della sicurezza di impianti cosi’ delicati .  Un errore umano o un malfunzionamento del sistema  o una falla nel sistema di sicurezza, queste le ipotesi che hanno portato la magistratura a formulare l’ accusa di lesioni colpose. Incidenti in aziende  a rischio sono assai più all’ordine del giorno di quanto si pensi e pongono la materia della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro come un elemento prioritario ed assoluto dell’impresa con forti elementi dal punto di vista umano e sociale. Non solo il bilancio dei feriti  di Bulgarograsso e’ rilevante , ma  anche l’incognita per la salute dell’intera popolazione  perchè non si hanno ancora notizie certe circa  la natura della nube di fumo che si è levata alta nel cielo.Sembra certa la presenza in aria di vapori di acetato di etile  . Tuttavia nessun allarme per la salute pubblica è stato lanciato perchè  Arpa Lombardia ha dichiarato  che  condizioni meteo avrebbe trasportato le sostanze tossiche in alta quota. Non ci pare abbastanza  : oltre ad esprimere solidarietà e auguri ai feriti e alle loro famiglie ,  chiediamo che vengano effettuati nelle prossime settimane controlli periodici delle condizioni dell’aria per tutelare i cittadini.

 
/*calendario eventi*/

Prossimi Eventi